Dic 02

Domenica 02 Dicembre si è svolta a Lusia – Rovigo – la cerimonia dell’anniversario dei ponti sull’Adige che collegano le due province di Padova e Rovigo, ma soprattutto i due paesi rivieraschi avendo la stessa economia agricola con destinazione ortaggi. Fino al 1914 c’era un traghetto che li collegava, successivamente un ponte in legno fatto per usi anche militari. Il 20 Aprile del 1945 venne bombardato e quindi  distrutto, così il paese storico di Lusia con 74 morti, non avendo all’epoca le bombe intelligenti. Nel 1952 costruirono un ponte Baily ad una carreggiata. Nel 1988, dopo un anno di lavoro, tempo record, fu inaugurato l’attuale ponte fatto in calcestruzzo. Il ponte fu  seguito dall’attuale Pres. di Fed. di Rovigo Geom. Graziano MARON. La cerimonia oltre a ricordare l’accaduto ha inaugurato una mostra sulla storia dei ponti, sul bombardamento del ponte-paese, sulla coltivazione della terra a ortaggi, ma soprattutto una mostra di cimeli della Grande Guerra a chiusura del centenario della Vittoria. Alla cerimonia oltre ai Labari delle associazioni d’Arma c’erano i figuranti vestiti da militari d’epoca e le rappresentanze delle istituzioni provinciali di Rovigo e Padova, rappresentati della Regione Veneto, della Prefettura, Questura, dell’Esercito, dell’Aeronautica e Carabinieri oltre a numerosi ex Sindaci che all’epoca si sono impegnati per la sistemazione del sito e tanti sindaci dei paesi limitrofi che usufruiscono del ponte. L’evento è stato ripreso e trasmesso anche da un’emittente regionale.