Mag 13

Domenica 13 Maggio a S. Donà e Musile “ Venezia”si è concluso il 66° raduno nazionale dei Bersaglieri con la grande sfilata lungo i 3.798 metri di percorso, con un doppio attraversamento del Piave e arrivo con il celebre passo di corsa di fronte al duomo di S. Donà. A sfilare c’erano pure tre scolaresche con i loro insegnanti. Almeno 150 mila le presenze lungo il percorso, tra famigliari e spettatori. A rappresentare il governo c’era il sottosegretario alla Difesa, Domenico Rossi ed il Governatore del Veneto Luca Zaia, oltre alla rappresentanza di quaranta comuni e autorità civili e militari locali. Le allocuzioni sono state fatte da varie autorità, tra cui la lettura del messaggio del Pres. della Repubblica Mattarella. Il labaro del N.A. Nazionale era scortato dal pres. di Rovigo Graziano Maron, dal vice Paolo Vaccaro e dall’alfiere Nicola Spigolon. La Stecca, simbolo del raduno è stata passata all’organizzatore di Matera che ospiterà il raduno nazionale del 2019. Da evidenziare che accanto al ponte della Vittoria sul Piave, stabile, è stato posato un ponte galleggiante da parte del Reg. Genio Pontieri di Piacenza. I ragazzi certo, ma anche tutte le persone più anziane, guardando, che tra loro ricordavano i tempi della guerra. Era annunciato come evento nell’evento e così è stato. Al punto che è stato previsto anche uno speaker per spiegare cosa stava succedendo , soprattutto ai ragazzi delle scuole, che i pezzi del ponte venivano incastrati a nastro e come per magia, usciva un vero e proprio ponte della larghezza carrabile di 4 metri, che unisce da sponda a sponda S. Donà e Musile. Come suggestivo è stato quello che è diventato una sorta di “ Picchetto d’onore dei militari” lungo il percorso dell’attraversamento. Complimenti agli organizzatori.